SFM5
SFM5

SFM5: la metro leggera pronta nel 2021

Dal 2021 si potrà viaggiare tra la provincia ovest di Torino e il centro città in 15 minuti. La metropolitana leggera (SFM5) sarà la prima opera della tratta nazionale della linea ferroviaria Torino-Lione ad essere operativa e permetterà il collegamento dell’ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano con la stazione di Torino Porta Susa, completando la linea 5 del Sistema ferroviario metropolitano che arriva fino a Torino Stura. Il progetto è stato presentato lo scorso 3 aprile nel corso di un evento organizzato alla stazione di Torino Porta Susa con il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, il commissario di governo per la Torino-Lione, Paolo Foietta e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana, Maurizio Gentile. Presenti anche il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino e i sindaci dei Comuni di Orbassano e Grugliasco, Eugenio Gambetta e Roberto Montà.
SFM5

Il costo

L’investimento economico complessivo è di circa 60 milioni di euro. L’intervento principale è finanziato per 40 milioni di euro attraverso il Contratto di Programma 2012-2016, parte Investimenti, sottoscritto tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Il riassetto di Orbassano e il collegamento fino alla fermata San Luigi sono opere previste nella tratta nazionale della Torino- Lione, di cui costituiscono quindi una anticipazione rispetto alla realizzazione completa. L’Accordo di Programma, promosso dalla Regione Piemonte, modificato nel maggio 2016 e finanziato per 18,5 milioni, consente di completare l’intervento con le fermate Quaglia Le Gru e San Paolo.

Le stazioni

In particolare sugli otto chilometri di ferrovia è prevista la realizzazione di tre fermate: la stazione San Luigi-Orbassano, con 2 milioni di utenti l’anno, la fermata Quaglia-Le Gru di Collegno, dove si trova un grande centro commerciale con un bacino di oltre 12mila utenti l’anno, e la fermata San Paolo, a servizio dei 100mila residenti delle circoscrizioni 2 e 3 di Torino. I treni avranno una frequenza di un’ora, 30 minuti nelle ore di punta, con l’obiettivo di alleggerire il traffico stradale in un’area congestionata dalla presenza del casello autostradale di Beinasco, dell’ospedale e del centro commerciale Le Gru, oltre che dalla presenza del termovalorizzatore del Gerbido. Al San Luigi è stato progettato anche un Movincentro in cui saranno realizzati un’area di interscambio per gli autobus, 400 parcheggi per le auto e 150 postazioni per le biciclette con attestamento delle piste ciclabili provenienti da Orbassano, Beinasco e Rivalta. Prevista anche la sistemazione idrogeologica e idraulica dell’area e dell’accesso all’Ospedale San Luigi.
 

Articoli correlati

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies | Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso dei cookie | En continuant à utiliser le site, vous acceptez l'utilisation de cookies | PLUS

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close