Notizie · Primo piano

Training Session di TELT all’Université Savoie-Mont-Blanc

Due giorni di formazione e di confronto fra esponenti internazionali del tunnelling, prendendo in esame gli aspetti specifici delle gallerie di base e le tematiche correlate, dal finanziamento all’accettazione delle grandi opere. É l’esperienza vissuta dai partecipanti alla Training Session organizzata il 20 e 21 giugno all’Université Savoie-Mont-Blanc dalla Fondazione ITA-CET, l’associazione ITA /AITES e TELT. Un’iniziativa nata con l’obiettivo di mobilitare esperti, competenze pedagogiche e risorse per affrontare da un punto di vista olistico una delle maggiori sfide ingegneristiche del nostro tempo.

La sessione ha dedicato ampio spazio allo scambio di esperienze internazionali, affrontando aspetti tecnici e di sicurezza durante i lavori, questioni contrattuali e di rapporti con la cittadinanza. Le tavole rotonde animate dai presidenti dell’AFTES e della SIG, Michel Deffayet e Andrea Pigorini, sono state un’importante occasione di dialogo.

All’evento erano rappresentati tre dei sette tunnel di base che si trovano lungo l’arco alpino. Sul tunnel del Moncenisio in costruzione è intervenuto Maurizio Bufalini, direttore della divisione tecnica di TELT, con una relazione sul percorso di accettazione dell’opera. Maria Elena Parisi, Enrico Fornari e Jacques Triclot, rispettivamente responsabile della Geologia a TELT, direttore tecnico di Geodata Engineering e direttore lavori per la Torino-Lione, hanno illustrato le due principali opere geognostiche del tunnel di base del Moncenisio, la galleria di Chiomonte e quella francese di Saint-Martin-la-Porte.

L’amministratore delegato di BBT Raffaele Zurlo ha portato l’esperienza in corso al lato opposto delle Alpi, al tunnel di base del Brennero. Del Gottardo, a due anni dall’inaugurazione ufficiale, ha parlato il project manager Luzi Reto Gruber. Un interessante punto di vista asiatico sui lavori a grande profondità è stato presentato da Chungsik Yoo, vicepreside della facoltà di Ingegneria all’Università di Sungkyunkwan, in Corea del sud.

Il docente emerito del Politecnico di Torino Sebastiano Pelizza ha fornito una panoramica sui tunnel lunghi e profondi a livello mondiale. A completare gli interventi il lavoro del gruppo ITA 17 sui tunnel ad alte coperture, raccontato da Gérard Seingre, la panoramica contrattuale fornita da Matthias Neuenschwander del gruppo FIDIC – ITA, la relazione sul rilascio di tensione nelle caverne ampie e profonde a cura di François Laigle di EDF e quella sulla sicurezza in cantiere di Donald Lamont, per 25 anni ispettore dell’Autorità del tunnel sotto la Manica.

La due giorni di TELT è entrata nel piano formativo del Master in Tunnelling and Tunnel Boring Machines del Politecnico di Torino, con la presenza degli studenti e del direttore scientifico Daniele Peila.

22/06/2018 • #, #

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante OK, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Vuoi saperne di più?

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close