TELT AT WORK n.1 - Luglio | Juillet 2020
TELT AT WORK n.1 - Luglio | Juillet 2020

TELT at WORK: Sostenibilità, ambiente e territorio nel secondo numero

Il confronto con i territori e l’impegno dell’Unione Europea, che vede nella realizzazione della rete di moderne infrastrutture ferroviarie una delle applicazioni più importanti del Green Deal, il piano europeo per combattere il climate change. 

Sono gli argomenti del secondo numero di Telt at Work, il video magazine realizzato dal promotore pubblico per approfondire i temi legati alla realizzazione della linea ferroviaria Torino-Lione, con interviste tra Bruxelles, Torino, Lione, la Maurienne e la Val di Susa, è approfondimenti anche sullo stato dei cantieri, dove lo scavo del tunnel di base ha raggiunto i 10 km, e sui finanziamenti che nel prossimo Grant Agreement potrebbero arrivare fino al 50%. Non manca una finestra sul mondo dell’arte come elemento di unione e innovazione che da secoli vede legate Torino e Lione.

Si parte con ZOOM che illustra il programma France Relance e il dialogo impostato dal promotore pubblico con i territori con interviste a François Ravasio, Sindaco di Saint Julien Montdenis e Pierre Mille, Presidente Association des Riverains. Il Direttore procedure, accordi e concertazione Francia di TELT, Xavier Darmendrail, spiega il lavoro che si sta facendo con la Démarche Grand Chantier.

“La sostenibilità è un principio che TELT applica in tutte le sue azioni” evidenzia nella rubrica INSIDE l’ing. Manuela Rocca, a capo della nuova Direzione Sviluppo sostenibile e Sicurezza nata nel 2020. Un agire che guarda all’innovazione con collaborazioni con università e centri di ricerca come quello dell’École des Ponts Paris Tech: Jean Sulem, Professore di meccanica e Direttore ricerca dell’ateneo, spiega la collaborazione con TELT nell’ambito dei materiali.

Con PLATFORM EUROPE ci si sposta a Bruxelles per incontrare i vertici della Direzione Europea dei Trasporti: “La rete transeuropea sarà uno degli elementi che realizzeranno il Green Deal” sottolinea il direttore della Dg Move della Commissione europea, Herald Ruijters, mentre secondo Wojciech Sopinski, advisor della coordinatrice europea del Corridoio Mediterraneo, questo progetto “ha vissuto un’accelerazione enorme da quando è stata applicata la politica delle reti TEN-T” e “la Torino-Lione svolge un ruolo fondamentale in questo programma di finanziamento”. 

Un servizio ad hoc è di invece dedicato all’economia circolare dei materiali di scavo della Torino-Lione approfondito in ENVIROMENT FIRST dai responsabili del settore di TELT, Eleonora Cesolini e Pascal Schriqui

Chiudono questa edizione due donne alla guida di importanti istituti d’arte a Lione e Torino: in OUTSIDER Estelle Pagès, Direttrice Scuola Nazionale di Belle Arti di Lione, e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo – Presidentessa Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino spiegano il profondo legame artistico tra queste due città attente alla cultura contemporanea e all’innovazione.

Articoli correlati

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies | Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso dei cookie | En continuant à utiliser le site, vous acceptez l'utilisation de cookies | PLUS

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close